Lettera di Luigi Compagna al direttore del Foglio

Lettera di Luigi Compagna al direttore del Foglio

Lettera di Luigi Compagna al direttore del Foglio

La retorica di un’Europa impavida che oppone al terrorismo la volontà di non mutare comunque il proprio stile di vita è davvero insulsa. Accade infatti di registrare anche quanto avvenuto domenica scorsa a Budapest durante i mondiali di nuoto: prima della gara dei 200 metri rana, lo spagnolo Fernando Alvarez aveva chiesto un minuto di silenzio per ricordare le vittime di Barcellona ma il comitato organizzatore gli ha opposto che non c’era tempo e non si poteva perdere nemmeno un minuto. A questo punto il nuotatore spagnolo il tempo ha deciso di prenderselo da solo ed è restato sul blocco di partenza mentre tutti si tuffavano in acqua. “Certe cose – ha detto – valgono più di qualsiasi medaglia d’oro”: un modo per ribadire come spesso proprio le democrazie esigono aristocrazia.

Related Articles

Close